Luogo: Tricarico, Italia
Data: Settembre 2017
Committente: Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane ed il  Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori
Tipologia di Progetto: Concorso di idee per la riqualificazione di 10 aree urbane periferiche

Tricarico, “limite baricentrico tra Potenza e Matera”, è una città come viene definita coesistenziale. Nel progetto, è stato reinterpretato il vasto concetto di coesistenzialità come vettore tramite il quale si compongono le diversità creandone una nuova; a livello progettuale, il vettore del recupero degli autoctoni Orti Saraceni è integrato con la pianificazione, presupposti per un rinnovato driver economico in grado di creare una nuova diversità.
Il progetto poggia su due pilastri principali:
1) la realizzazione e la sistemazione degli orti e dei giardini seguendo “le linee” dettate da quelli esistenti, creando una patchwork coerente e rispettosa del genius loci e dei sedimenti cognitivi e materiali propri ed unici della città di Tricarico;
2) la progettazione di un parco avventura che metta in moto l’intera area (che faccia da propulsore economico) in modo tale che tutti gli interventi siano sostenibili in primis, ma anche durevoli e lungimiranti.