Luogo: Lisbona, Portogallo
Data: Gennaio 2015
Committente: Universidade Tecnica de Lisboa
Tipologia di Progetto: Laboratorio di progettazione, Master Europeo in Planning and Policies for Cities Environment and Landscape

L’area studio è il quartiere Belém, in particolare la parte compresa tra Rua de Junqueira a nord ed il waterfront del del fiume Tejo a sud. Questo quartiere, alla fine del XIX secolo, ha subito un forte processo di crescita soprattutto dal punto di vista edilizio. Una crescita disordinata, che non ha previsto una pianificazione attenta delle aree, per questo motivo, oggi, si presenta come un insieme di piccoli spazi verdi soprattutto nella zona sud vicino il waterfront e vecchie abitazioni, per lo più abbandonate o disabitate, nella zona a nord che costeggia Rua de Junqueira.
Il lavoro si è articolato in una prima fase di studio ed analisi dell’intera area in modo da inquadrare le problematiche e le potenzialità. La seconda fase è stata quella dell’elaborazione della proposta progettuale.
La direzione intrapresa è stata quella di un quartiere resiliente, dato che si tratta di un’area a pochi passi dall’argine del più grande fiume della città (ormai alla foce con l’oceano), che sappia rispondere alle problematiche del cambiamento climatico. A tal proposito è stato previsto il rifacimento di tutta la pavimentazione stradale con materiali permeabili e con aiuole che favoriscano la raccolta delle acque meteoriche senza che queste possano creare problemi di allagamento.
Oltre a questo però, si è voluta porre l’attenzione sulla mancanza di strutture per i giovani all’interno del quartiere progettando un’architettura, da porre al centro dell’unica piazza presente, che funga da punto di aggregazione.
Nonostante sia posizionata al centro, essa non rompe la continuità di passaggio della piazza perché è completamente attraversabile sia al suo interno che esternamente tramite il tetto verde appositamente pensato per essere attraversato diagonalmente e per essere utilizzato come punto di sosta nei periodi più caldi, per leggere un libro o per passare il tempo libero.